mercoledì 4 maggio 2011

Sarde a beccafico


Un pesce azzurro, considerato "povero" perchè in abbondanza ed economico, ma gustosissimo e ricco di tanti nutrienti e per ultimo ma non meno importante, che strappa immediatamente un bellissimo sorriso nel volto del mio  maritino buongustaio, ogni volta che gli viene presentato. E' una tipica ricetta Sicilana per cui condividerla con voi, per me sarà un piacere, a Catania la prepariamo così...
 Puliamo per bene le nostre sarde dalle interiora, togliendo anche la testa e la lisca e le mettiamo aperte a libro a marinare nell'aceto di vino rosso. Nel frattempo prepariamo un composto di pangrattato, pecorino grattugiato, prezzemolo e aglio finemente tritati.

 In una terrina apparte prepariamo invece le uova sbattute con sale e pepe qb, e in un piattino della farina bianca. Ora assembiamo il tutto: prendiamo una sarda la passiamo nella farina, poi nell'uovo, e nel pan grattato, ripetiamo quasi la stessa operazione con un'altra sarda ( passandola solo nella farina e nell'uovo) le uniamo e infine assieme le passiamo entrambe nel pan grattato. Ed ecco sono pronte per essere fritte e consumate ancora fumanti, ma c'è chi le ama anche il giorno dopo, appena uscite dal frigorifero.




26 commenti:

  1. buongiorno!!che meraviglia di ricetta complimenti!!!kiss

    RispondiElimina
  2. Che buoneeeeee....me le faceva sempre il mio paparino!! Complimenti sono davvero invitanti!

    RispondiElimina
  3. Buonissime, belle sicule e genuine. Mi piacciono molto!

    RispondiElimina
  4. Buonissime, adoro le ricette tradizionali... grazie per averla condivisa! Buona giornata

    RispondiElimina
  5. Buongiorno Agata!
    Gongratulazioni per il tuo bellissimo blog!
    Perdona me ma non parlo o scrivo bene in Italiano.
    Questa ricetta e amata anche in Grecia. Facciamo le sardine in quasi quel modo (probabilmente senza uovo)! Sono deliziose!!!!
    :-)

    RispondiElimina
  6. Buonissime che sono, bravissima!!
    Un abbraccio, Maria Luisa.

    RispondiElimina
  7. Sono davvero super buoneeee!! Grazie della ricetta!! Un bacione.

    RispondiElimina
  8. Adoro le alici, e fatte così sono una delizia. Complimenti.

    RispondiElimina
  9. si si anche noi le facciamo cosi'!!!buoneeeee ma lo sai che i miei bimbi preferiscono le alici ai famosi bastoncini??baci!!!

    RispondiElimina
  10. Buonissimeeeeeeeeeeeeeeee.. smack :-)

    RispondiElimina
  11. Siii, Agata evviva la nostra bella Sicilia, che buone che sono le sarde a beccafico! La mia mamma le faceva da Dio. Brava carissima, un bacio.

    RispondiElimina
  12. Mhhhhh che blog sfizioso! Piacere di conoscerti, io sono Elly e verrò spesso a trovarti per provare le tue deliziose ricette!!!!
    Grazie ;)
    Buona giornata
    Elly ;)

    RispondiElimina
  13. Cara Agata,
    quello azzurro è un pesce ricchissimo: di pregi. Non ultimo quello di costare poco... E ti pare niente? Perciò ogni suggerimento per portarlo in tavola è benvenuto.

    Sabrine

    RispondiElimina
  14. devo farli,non li ho mai assagiati,brava

    RispondiElimina
  15. Ciao Agata! Grazie e scusami se ti vengo a trovare solo oggi per la prima volta!
    A presto cara ; )
    Ps: queste sarde sono spettacolari... la carne ha un bel colore!

    RispondiElimina
  16. ciao Agata, mi piacciono le sarde eheheheh
    Brava bye bye Azzurra

    RispondiElimina
  17. Sono proprio contenta che questa ricetta (magari non conosciutissima fuori dalla Sicilia), vi sia piaciuta! Grazie per le gentili visite, se vi va restate per cena, sapete cosa si mangia da me il sabato no?? Metto volentieri dei coperti in più!! Un felice fine settimana a VOI TUTTI !! E alla Princess che è per la prima volta in gita, lontano dalla sua mamma!! Bacioni!!

    RispondiElimina
  18. Un saluto alla splendida Sicilia e un in bocca al lupo a te per il blog candy :)

    RispondiElimina
  19. devono essere strepitose !
    Quanto tempo vanno lasciate a macerare nell'aceto ?

    RispondiElimina
  20. Grazie Milù : speriamo bene!!
    Ale anche una mezzo'oretta è più che sufficiente!! Ciao ciao

    RispondiElimina
  21. Quante buonissime ricette!!
    Io vado pazza per il pesce
    Ciao Tilli

    RispondiElimina
  22. E' incredibile io sono catanese ma vivo a Bologna e mio marito è romagnolo, pochi giorni fa' mi rimproverava di non cucinargliele più (da quando siamo sposati le ho cucinate solo 2 volte)ieri ho comprato le sarde e oggi le ho cucinate e mangiate con grande soddisfazione mia e di mio marito.
    La diversità della mia ricetta è di non marinarle nell'aceto di vino rosso e di imbottire le sarde con pangrattato aceto olio e unito a tutti gli altri ingrediente che usi anche tu, quindi diventa quasi un "panino imbottito" o le "sarde imbottite.
    Quindi cosa dirti se non che sono orgogliosa della nostra bella Catania, e ringraziarti per il tuo blog molto casareccio e semplice.
    Adriana

    RispondiElimina
  23. Che nostalgia... Sai che avevo una collega di lavoro (che ora è mancata, era delle tue parti), che me le fece assaggiare! Ogni volta che sento le sarde a beccafico penso a lei! Nani

    RispondiElimina
  24. Hello There. I found your blog using msn. This is a really
    well written article. I will make sure to bookmark
    it and return to read more of your useful information.
    Thanks for the post. I will definitely comeback.



    Feel free to visit my webpage ... social bookmarking service

    RispondiElimina
  25. Can you tell us more about this? I'd like to find out more details.

    Here is my page - dragon city cheat engine

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a trovarmi, se vuoi lasciare un commento ne sarò felice!